Il lavoro di pensare

pensareChe fine ha fatto il pensare? Ci penso mentre – seduto su una panchina in un piccolo parco di Padova – aspetto di iniziare la mia lezione e ne approfitto per fare la cosa che più mi piace fare: pensare. Il lavoro di pensare non è più considerato tale: chi pensa è un perditempo. Dirò di più: pensare è un modo per non lavorare. Non per me.

Ogni volta che, in orario di lavoro, mi sedevo in veranda per pensare, finivo col temere che qualcuno mi vedesse e mi dicesse che stavo facendo nulla.

E invece il momento in cui io lavoro di più è quando non faccio niente di concreto: quando fisso il vuoto a lungo restando disteso sul divano fino ad essere stanco o quando all’alba resto a letto a lungo fino ad avere bisogno di alzarmi per riposarmi dal pensare o quando viaggio e guardo fuori dal finestrino e non ascolto la musica proprio per pensare. Ciò che il mondo di fuori chiama lavoro, ciò che mi tocca fare per sopravvivere, è una sequela di impedimenti, è tempo sottratto alle cose serie come pensare.

Si vive in un presentismo privato del tempo. E invece se il tempo, come si sa, è solo passato e futuro anche il pensare è pensare al passato o al futuro. Non dico soltanto al Passato e al Futuro come oggetti del pensiero, dico anche al tempo passato e al tempo futuro come forme verbali. Pensare è mettere insieme, e dunque è passato e futuro.

Il tempo del passato e del futuro è un tempo di assunzioni: di responsabilità e di impegni. È mettere il nome, uscire dall’anonimato, dal presente del senza nome. Miopia e fretta sono le cifre del presentismo anonimo, la lentezza è la cifra del tempo in cui si inscrive il proprio nome. Pensare è aspettare guardando lontano o guardare lontano aspettando. Che le cose si mettano insieme, fuori o dentro, si compongano. O si ricompongano inaspettatamente.

Perché i miei pensieri non stanno mica in ordine, non è che decido io cosa pensare, io mi limito a tenere la porta aperta e loro si organizzano da soli, quasi mai ordinatamente, si accavallano e spesso si perdono. Alcuni pareva non ci fossero e invece avevano avuto la pazienza di aspettare.

Come adesso che alcune parole di mio padre, parole da sempre ostinatamente sottovalutate e adesso inspiegabilmente ricordate, inattese e non cercate, mi spiegano quello che succederà tra poco in quella stanza.

Appena in tempo: devo entrare e fare lezione. Devo smettere di lavorare.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata il 12 settembre 2015. Aggiungi il permalink ai segnalibri. 3 commenti

3 thoughts on “Il lavoro di pensare

  1. Pensare ….. hai ragione Felice, è assumersi la responsabilità, è impegnarsi, è vivere nel qui ed ora. Un “lavoro” che ancora oggi è riservato a pochi. A quei pochi che hanno la sensibilità e il coraggio di fermarsi e di ascoltarsi, il coraggio di incontrare la propria autenticità senza paure. Grazie

  2. Pensare è l’arte dei pochi in questa società, ricca di parole che camuffano spesso ciò che si pensa. È vero Felice, lasciarsi andare ai pensieri che affollano la mente porta via energie e pare che non si esauriscano mai, anzi più si pensa e più si moltiplicano. Grazie Felice!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...