Patologica stupidità

Il Governo ha appena preso una decisione storica: i nuovi punti commerciali dedicati al gioco d’azzardo dovranno essere aperti ad almeno 200 metri di distanza da scuole, chiese ed ospedali!
Per quelli che già ci sono, purtroppo, non si può fare nulla ma si spera che gli insegnanti, i sacrestani e gli addetti alle sale mortuarie si attivino autonomamente.
Finalmente un intervento scientificamente fondato: è esattamente in questo modo, infatti, che si combatte la diffusione della dipendenza da gioco d’azzardo, altro che le chiacchiere sulla prevenzione, sui regolamenti comunali, sull’obbligo di indicare chiaramente nella pubblicità la percentuale di probabilità di vincita e cose simili.

Confortato da questa imbarazzante lungimiranza scientifica, mi permetto di segnalare al Governo le seguenti necessarie misure da adottare con urgenza:

– sempre in materia di gioco d’azzardo patologico: ogni giocatore, anche se occasionale, deve obbligatoriamente munirsi di carta di credito ricaricabile e, corrispettivamente, tutti gli esercenti devono dotarsi di POS (questa misura non ha un immediato beneficio in termini di benessere percepito ma ha una grossa ricaduta per le Banche cui appartiene il Governo);
– per curare l’itterizia: è obbligatorio pisciare per tre notti di seguito controvento sotto un arco di pietra e recitare una breve filastrocca dedicata al monacello alias spirito della casa;
– per curare la congiuntivite: è obbligatorio bagnare per sette giorni di seguito, all’alba, gli occhi del malato con l’acqua dell’abbeveratoio dei cavalli (e non di altri animali) accertandosi che i cavalli vi abbiano appena bevuto (per sicurezza mischiare direttamente l’acqua dell’abbeveratoio con la bava del cavallo di pertinenza);
– per il mal di denti: è obbligatorio bagnare il dente dolente con alcune gocce di pipì possibilmente propria (per la donazione eterologa occorre iscriversi ad un apposito registro dei donatori di pipì a scopo terapeutico);
– per i vermi nello stomaco: è obbligatorio mangiare molto aglio per comprare il quale è obbligatorio utilizzare una carta di credito ricaricabile ad hoc;
– per l’epilessia: è obbligatorio, durante la crisi acuta, fare in modo che il malato stringa tra le mani una chiave di metallo (la chiave in questione non deve essere stata necessariamente comprata con carta di credito ricaricabile o comunque non è obbligatorio dimostrarlo, ma su questo si attende un decreto attuativo);
– per lo spavento: è obbligatorio far ingerire allo spaventato il cosiddetto bkkjr du sckend (bicchiere dello spavento) che non può essere sostituito da un bicchiere d’acqua qualsiasi essendo in vendita nelle farmacie l’apposita acqua di rubinetto adatta allo scopo;
– per la stupidità: come ampiamente dimostrato dal provvedimento in materia di gioco d’azzardo a protezione di scuole, chiese e ospedali è obbligatorio accettare l’idea che non si dispone di cure adeguate per la stupidità.

P.S. a beneficio del Governo che leggerà questo articolo: tutte le cure segnalate sono realmente esistite o esistenti, l’unica inventata è quella relativa alla carta di credito; purtroppo anche la vostra è vera.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata il 6 settembre 2012. Aggiungi il permalink ai segnalibri. 1 Commento

One thought on “Patologica stupidità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...