Per una medicina sobria, rispettosa e giusta

Capita sempre più di rado di intercettare iniziative che valga la pena scrutare, seguire, accompagnare seppur a distanza, affiancare da vicino. Nelle quali e per le quali valga la pena spendersi e militare. In questo senso, la nascita di Slow Medicine è allora una sorta di risarcimento a favore di tutti coloro che hanno sofferto la deriva delle bio-medicine occidentali, ma anche uno schiaffo in faccia ai tanti che, come me, hanno ceduto spesso alla tentazione di credere che nulla fosse più possibile. Slow Medicine è una grande idea, un grande progetto, una grande opportunità che bisogna assolutamente promuovere nei propri ambiti di lavoro e di impegno.

Qui di seguito un pezzo introduttivo tratto da http://www.slowmedicine.it.

Nel 2002 Alberto Dolara, primario di cardiologia all’Ospedale Careggi di Firenze, lancia un’ “Invito a una Slow Medicine”, definita come un approccio meno iperattivo che consente di “valutare con attenzione procedure e tecnologie di avanguardia, prevenire dimissioni premature dall’ospedale ed infine offrire un adeguato sostegno emotivo ai pazienti terminali e alle loro famiglie“. Nel 2008 ricompare l’idea di “Slow Medicine” in un libro di Dennis McCullogh e in scritti di Ladd Bauer pubblicati negli Stati Uniti, che promuovono, specie nell’anziano e nel fine vita, cure meno ipertecnologiche e ospedaliere e più orientate alla qualità di vita. Il concetto viene ripreso in un articolo di Roberto Satolli sul Corriere della Sera, che sottolinea l’importanza di “puntare alla qualità della vita anziché a una improbabile guarigione“, rinunciando alla frenesia di fare tutto quello che è possibile senza valutare se e quanto questo abbia senso per la persona malata.

La ricerca di una cura più slow, più rivolta alla qualità della vita, più sensibile agli aspetti di comunicazione e di relazione fra professionisti e malati, più attenta alla condivisione dei percorsi di cura si stava nel frattempo diffondendo in alcune realtà sanitarie italiane attraverso gli interventi di formazione e di ricerca metodologica svolti dall’Istituto CHANGE di Torino, e fondati sulla metodologia della medicina narrativa e del counselling sistemico. E SIQuAS-VRQ (Società Italiana per la Qualità dell’Assistenza Sanitaria), nella sua ricerca su modelli, strumenti, tecniche e metodi che contribuiscono a migliorare la qualità professionale, organizzativa e sperimentata dai cittadini, affermava, dati alla mano, il rapporto stretto fra cure di buona qualità e la loro sostenibilità economica ed ambientale. Contrariamente a quanto finora pensato cure di buona qualità sono anche meno costose.

Nelle riflessioni sulla Slow Medicine l’uso della parola slow non è casuale, e volutamente ed esplicitamente rimanda al movimento Slow Food e alla sua pacifica rivoluzione per un cibo buono, pulito e giusto. Nel maggio 2010 l’assemblea di SIQuAS approvava la fondazione di un movimento che riproponesse un sistema sanitario di qualità sostenibile e che si rifacesse alla lezione di Slow Food. Nel dicembre 2010 l’incontro a Torino fra alcuni membri del direttivo SIQuAS, alcuni dei fondatori dell’Istituto CHANGE e altri professionisti che nel frattempo avevano segnalato interesse per l’idea slow ha segnato la nascita ufficiale di Slow Medicine.

Il gruppo dei fondatori ha individuato nelle parole sobria, rispettosa, giusta la sintesi della loro idea di Slow Medicine. Su queste parole chiave si muovono i progetti, le iniziative, le proposte su cui Slow Medicine intende coinvolgere professionisti sanitari, manager sanitari, cittadini, associazioni, rappresentanti della stampa.

(Tratto da http://www.slowmedicine.it)

Annunci

2 thoughts on “Per una medicina sobria, rispettosa e giusta

  1. Penso che bisogna tendere a quello che dici, ovvero non la malattia, ma il malato, la persona. Mi hai fatto pensare a Tiziano Terzani e tutte le belle cose che ha scritto a riguardo. Ma il mondo politico comprende cio’? Oggi si pensa al DRG e quindi quanto prima CACCIARE il paziente/cliente, che poi e’ diventato un numero per la privacy, quanta disumanità… Grazie per la riflessione Nuccia

  2. GRAZIE, E’ DI CONFORTO AVERE QUESTO INCORAGGIAMENTO. SLOW MEDICINE E’ UNA RETE DI IDEE IN MOVIMENTO PER UNA CURA SOBRIA, RISPETTOSA E GIUSTA. CHIUNQUE PUò PARTECIPARE E AIUTARCI A CRESCERE. UN CARO SALUTO

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...